Giuseppe Chiari, PentaChiari, 2017, galleria Il Ponte, Firenze_1
Giuseppe Chiari, PentaChiari, 2017, galleria Il Ponte, Firenze_2
Giuseppe Chiari, PentaChiari, 2017, galleria Il Ponte, Firenze_3
Giuseppe Chiari, PentaChiari, 2017, galleria Il Ponte, Firenze_5
Giuseppe Chiari, PentaChiari, 2017, galleria Il Ponte, Firenze_6
Giuseppe Chiari, PentaChiari, 2017, galleria Il Ponte, Firenze_9
Giuseppe Chiari, PentaChiari, 2017, galleria Il Ponte, Firenze_11
GIUSEPPE CHIARI Biografia
PentaChiari Cataloghi
a cura di BRUNO CORA’
2 dicembre 2017 – 2 febbraio 2018

PentaChiari è una mostra promossa, in occasione del decennale della scomparsa di Giuseppe Chiari, da cinque gallerie nei propri spazi – Armanda Gori Arte, Prato; Frittelli Arte Contemporanea, Firenze; galleria Il Ponte, Firenze; Galleria Santo Ficara, Firenze; Tornabuoni Arte, Firenze – e curata da Bruno Corà.

All’interno di queste cinque esposizioni, Il Ponte presenta un aspetto di Chiari forse meno noto: il suo rapporto con la fotografia. Infatti, pur non essendo un fotografo, Chiari, soprattutto durante gli anni ’70, utilizza spesso questo medium. Si impossessa però di immagini non scattate da lui e, attraverso la propria firma, le trasforma in una sua opera, in cui la datazione, frequentemente presente, coincide con questo momento di appropriazione e non con quello dello scatto.

In questa mostra viene raccolto un nucleo di fotografie di sue performances, fra cui gli scatti legati a uno delle sue creazioni più note, Gesti sul piano (della metà degli anni ’60), un tema su cui spesso è tornato negli anni successivi proprio attraverso elaborazioni fotografiche e un nucleo di opere nate dalle fotografie di un pianofortino a sei tasti, da cui il titolo di questi lavori, I sei scalini sono la musica, della fine degli anni ’90.