Paolo Icaro, Su misura, 2011, galleria Il Ponte, Firenze_1sl
Paolo Icaro, Su misura, 2011, galleria Il Ponte, Firenze_4
Paolo Icaro, Su misura, 2011, galleria Il Ponte, Firenze_3sl
Paolo Icaro, Su misura, 2011, galleria Il Ponte, Firenze_6
Paolo Icaro, Su misura, 2011, galleria Il Ponte, Firenze_7
Paolo Icaro, Su misura, 2011, galleria Il Ponte, Firenze_8
PAOLO ICARO Biografia
Su misura Giornale
a cura di LARA CONTE e MAURO PANZERA
6 maggio – 22 luglio 2011

La mostra che Paolo Icaro allestisce alla galleria Il Ponte è denominata Su misura, perché ideata e realizzata sulla base delle possibilità e suggestioni offerte all’artista da questi spazi al suo lavoro.
«Nel pensiero di Icaro il concetto del misurare  scrive Mauro Panzera  ha sempre avuto un posto privilegiato…Ma la vicinanza in cui Icaro pone direttamente il proprio corpo nel rapporto col mondo, questo stare a ridosso è impatto drammatico. E’ segnale che uno spazio per l’uomo è perduto. Allora il misurare si fa, da universale quale classicamente era, un accidente…»: «…misurare non è necessariamente un dato omologato e oggettivo, ma anche il nostro esserci nel mondo, è la misura del rapporto di ognuno col proprio destino…» dice Paolo Icaro in Conversazione con Lara Conte.
L’esposizione si compone complessivamente di tre nuclei di opere  linea d’equilibrio, forme e linee tese, naturale/artificiale  che, pur sostanzialmente diversi, sono in qualche modo complementari e danno vita a una mostra, che è concepita e si percepisce come un’unica scultura.
Scultura «…che  riprendendo le parole di Ludovico Pratesi  per l’artista è uno spazio aperto, misurabile e quindi percorribile dallo spettatore, che lo percepisce nella sua essenza di luogo mentale, al di là di ogni fascinazione per i materiali in sé, come invece accade per i poveristi. E’ una scultura intesa come territorio esperienziale, a differenza di quanto ritenevano i minimalisti…».